Un caffellatte con Rhoma G

Amiche mie,  dopo nemmeno una settimana dall’uscita del suo terzo romanzo, oggi conosciamo insieme, e ci facciamo anche un po’ di fattacci suoi, Rhoma G.

“Stardust Qualcuno come me”, seguito attesissimo di “Bittersweet qualcuno come te”, è finalmente disponibile sui maggiori siti di libri digitali. Le fans di questa storia sono impazzite, non vedevano l’ora di leggere cosa sarebbe accaduto a quei poveri disgraziati di Grace e Josh.

Personalmente ho conosciuto questa bravissima autrice leggendo il suo “L’uragano dentro me” che ho recensito QUI, e da allora ne sono diventata dipendente. Il suo modo di scrivere è coinvolgente da morire, ma allo stesso tempo anche spassoso e accattivante.

1)Rhoma dicci qualcosa di te, conosciamo tutte il tuo nome d’arte ma siamo ansiose di farci un po’ i fatti tuoi.
Mi chiamo Romina, sono una ex impiegata del settore automobilistico che ha fatto della sua passione per la scrittura qualcosa di più di un semplice hobby: una ossessione. Scherzo! Ho 39 anni, sono sposata, vivo a Palermo e amo alla follia la pizza e i film di Hitchcock.
2)Come è nata la tua passione per la scrittura? Hai sempre saputo che un giorno ce l’avresti fatta, oppure ti sei messa seduta al pc per caso e le parole hanno preso vita?
Credo sia nata con me. Ho cominciato a scrivere da ragazzina, e penso che la mia fervida immaginazione abbia trovato in questo modo la strada giusta di sfogarsi. In realtà, ho preso seriamente in mano una penna circa sei anni fa. Nel 2013 sono rimasta senza lavoro, e una mattina mi sono detta: “è arrivato il momento, ora prendi il coraggio a due mani e fallo”.
E l’ho fatto. Ho rielaborato alcune storie che ammuffivano dentro il cassetto e ne ho fatto libri.
Non penso proprio di avercela fatta. In realtà non so nemmeno cosa significhi esattamente. Resto coi piedi per terra, continuo a essere la persona un po’ timida un po’ impacciata di sempre, che ama i libri in modo viscerale, e considera scrivere la panacea di tutti i suoi mali. Il resto… è un sogno, perciò, non svegliatemi.
3)Riguardo i tuoi romanzi, quale è venuto prima? Con quale hai dovuto “faticare” di più e perché?
“Bittersweet, qualcuno come te” è la mia prima creatura, e l’ho scritto senza alcuna difficoltà. Cosa ben diversa posso dire per “L’Uragano dentro me”, creatura numero due. Per scriverlo ho faticato tantissimo, ma non per dare vita alla storia, piuttosto per l’argomento trattato: il tradimento. Da donna, da moglie, ho dovuto confrontarmi continuamente con me stessa e la mia coscienza.
4)Se dovessi andare su un’isola deserta e potessi portare con te solo una delle tue storie quale sceglieresti? ( Dì uragano o non ti parlo mai più, ahahaha!)
É difficile! Non posso scegliere perché sono tutte creature mie, quindi penso porterei il libro che ho appena iniziato a scrivere, e darei vita a nuove avventure e nuovi amori.
5)Ti senti più simile a Grace oppure ad Ary?

Il fatto è che, in realtà, sono loro che sono simili a me! Ho messo tanto di me in Grace, e tantissimo in Ary. Naturalmente non ho alcuna intenzione di spiegarvi che cosa intendo, esattamente!
6)Quale delle tue storie ha avuto più successo? Secondo te perchè?
Beh, al momento penso che “L’Uragano dentro me” abbia avuto un numero maggiore di lettori. Suppongo che a ciò abbia contribuito proprio l’argomento di cui parla. Una moglie annoiata, un marito distratto, un matrimonio scivolato nell’oblio. Situazione, aimè, frequente.
7)Una curiosità…qual è una cosa che non deve mai mancare mentre scrivi?
Il caffellatte. Ultimamente, spendiamo un capitale in buste di latte e confezioni di caffè.
8)Stardust , il seguito di Bittersweet per chi non lo sapesse, è appena uscito sui vari siti di e-book. Io l’ho letto e ti faccio i miei più sentiti complimenti per il coronamento che hai dato a  questa bellissima storia d’amore. Tu come ti senti al riguardo?
Male! Josh e Grace mi mancheranno tanto, ma ho deciso di lasciarli andare, come farebbe una mamma coi propri figli. Sono tuoi, ma, a un certo punto, è come se non lo fossero più. Josh e Grace li ho visti nascere, crescere, innamorarsi, ferirsi e cadere giù, nel baratro. Poi, li ho visti rialzarsi e riprendere in mano la loro vita. Sono una mamma molto orgogliosa.
9) A tal proposito, dopo il finale così inaspettato e discusso di Bittersweet, che ha lasciato tutte noi con il fiato sospeso, perché non ci parli un po’ di Josh? Pensi che abbia fatto bene a lasciare Grace per proteggerla? Tu che avresti fatto al posto suo?
Prima di rispondere, è necessaria una premessa. Josh ha qualche problema coi sensi di colpa, in Bittersweet sono protagonisti indiscussi, quasi quanto lui e Grace. Perciò, quando la sua donna resta ferita, a causa di una pallottola quasi certamente non indirizzata a lei, i rimorsi, solo sopiti, tornano a tormentarlo in modo prepotente. Forse non avrei agito come Josh, però riesco a giustificarlo.
10)Progetti per il futuro? Mi è sembrato di leggere qualcosa riguardo una nuova avventura. Ci regali un piccolo spoiler?
Ho in mente un progetto abbastanza ambizioso, perché per essere portato a compimento necessita di studi su un argomento particolare. Posso dirvi soltanto che sarà un romanzo ambientato nella vecchia Europa, e che sarà un po’ dark, un po’ gotico, un po’ (molto) hot.
11)Ultima domanda. Sei pronta? Non  ci devi pensare troppo però, deve essere una risposta lampo.
Lucas o Josh?
Awww! Che colpo basso…
Tutti e due, naturalmente!

 

Avete capito la buongustaia di Romina eh? Tutti e due se li sceglie!

Un abbraccio e un bacio virtuale a Rhoma G, che ringrazio tantissimo per la sua gentilezza e spontaneità.

Invito tutte voi a leggere i suoi romanzi disponibili sui siti più famosi di ebook, assicurandovi che non ve ne pentirete!

Ps. fatemi sapere con un commento cosa ne pensate delle interviste, e di quest’idea per conoscere un po’ meglio chi si cela dietro le storie d’amore preferite delle donne italiane.

Vi mando un bacio

<3

Ila

Potrebbe interessarti anche:

No comments

  1. Devi assolutamente continuare con queste interviste! Chiara Parenti era già nelle mie conoscenze, ma ammetto che non conoscevo questa scrittrice.
    Inutile dire che ora DEVO leggere la tua precedente recensione e cercare i romanzi. Aiuto!! Per le dipendenti dai libri (e dallo shopping libroso) come me è un disastro, ma continua così. ^_^ Bacii

Rispondi