“If there’s no tomorrow” di Jennifer L. Armentrout – Recensione

book by:
Jennifer L. Armentrout

Reviewed by:
Rating:
5
On novembre 11, 2017
Last modified:novembre 11, 2017

Summary:

Lena è una ragazza che sta per cominciare il suo ultimo anno di liceo, è piena di speranze e di progetti da condividere con i suoi amici e soprattutto con Sebastian, il suo migliore amico che ama segretamente alla follia. Ma qualcosa all'improvviso cambia: un secondo, un episodio e tutto crolla.

Ciao a tutte ragazze e ragazzi!

Sono Marta, una nuova collaboratrice del blog, e mi occuperò di recensire libri in lingua inglese ancora inediti in Italia.

Oggi vi voglio parlare, infatti, di una storia che è uscita in America il 5 settembre 2017 scritta dalla nostra, penso amata da tutte, Jennifer L. Armentrout: “If there’s no tomorrow”. Continuate a leggere per saperne di più!

Vi dico qualcosa in più su di me per farmi conoscere meglio: ho 24 anni, studio ingegneria, ho OVVIAMENTE una passione sfrenata per i libri e per la scrittura. Sono ossessionata dal make up e dai vari tutorial e… non vogliatemene, so che è insolito in una ragazza, ma ADORO il calcio e tifo Milan da quando sono piccola 🙂

Detto questo vi lascio alla recensione!

Titolo: If there’s not tomorrow

Autore: Jenifer L. Armentrout

Editore: HQ Young Adult

Data di uscita: 5 settembre 2017 (inedito in Italia)

Trama: Lena Wise è sempre volta a guardare al futuro, al domani, specialmente all’inizio del suo ultimo anno di liceo. È pronta a trascorrere più tempo possibile con i suoi amici, a finire le domande di ammissione al college e forse anche a lasciare che il suo migliore amico fin dall’infanzia conosca quello che realmente lei prova per lui. Per Lena l’anno che sta per cominciare sarà epico, uno di quelli pieno di chance e di opportunità.
Fino a che una scelta, un momento, distrugge ogni cosa. Adesso Lena non riesce più a pensare al domani. Non adesso, quando il tempo trascorso con gli amici non sarà mai più come prima. Non quando le domande di ammissione al college sembrano impossibili da realizzare. Non quando Sebastian potrebbe non perdonarla mai per quello che è successo.
Per quello che lei ha lasciato che accadesse…
Con un senso di colpa sempre più grande ogni giorno che passa Lena sa che l’unica speranza è andare oltre. Ma come può andare avanti quando la sua intera esistenza e quella dei suoi amici sono state completamente modificate? Come può lasciarsi tutto alle spalle adesso che neanche il domani è garantito?

Recensione

Questo romanzo è senza ombra di dubbio un romanzo a 5 stelle! Mi è piaciuto da impazzire!

Mi ha fatta piangere con la sua intensità perché non è la classica storia YA: l’autrice in questo libro si è superata ed è riuscita a trasferire al lettore tutta l’inevitabile precarietà del domani.
È diviso in tre parti: IERI, OGGI, DOMANI. Queste simboleggiano anche il percorso psicologico che la protagonista deve intraprendere nel corso del romanzo.

È un libro che mi ha toccata davvero nel profondo per la sua crudezza e allo stesso tempo per la sua dolcezza. Mi ha messo una gran voglia di godermi il presente così com’è, perché per quanto sia giusto pensare al futuro dobbiamo SEMPRE, SEMPRE ricordarci che oggi noi stiamo vivendo e che dobbiamo vivere al meglio che possiamo.

Lena è una ragazza dell’ultimo anno di liceo circondata da tre amiche favolose, ma soprattutto supportata sempre da una persona che lei adora: il suo migliore amico sin dall’infanzia, Sebastian, di cui è segretamente innamorata da quando ha memoria. Sebastian è bellissimo, forte, determinato, ma allo stesso tempo discreto, rispettoso, paziente e dolcissimo.

I exhaled a shaky bresth. “You are… You are so stupid.”

“You love me,” he said.

Yes.

Madly. Deeply. Irrevocably. I cuold come up with five more adverbs.

Lena è volta sempre al futuro, convincendosi che in ogni caso domani andrà meglio di oggi, che le questioni in sospeso o che le cose per le quali le manca il coraggio potrà sempre affrontarle in un secondo momento e che sicuramente il futuro sarà meglio del presente. È un personaggio timido, riservato non riesce mai davvero a parlare di sé, neanche avendo affianco così tante persone a cui è sinceramente legata e che a loro volta la amano.

Il suo progetto futuro è quasi un progetto di fuga: vuole entrare in un college insieme alla sua amica Megan il più lontano possibile da Sebastian, perché dato che non riesce a confidargli il suo amore spera che non vendendolo più tanto spesso forse il suo cuore soffrirà meno e lei riuscirà a ricominciare.
Non è brava ad affrontare il presente, è più il tipo che preferisce soffrire in silenzio piuttosto che dare voce ai suoi pensieri, sentimenti o afflizioni; per questo si rifugia nella convinzione che con il passare del tempo le situazioni diventeranno più facili e che andrà incontro a esperienze migliori.

He hesitated for a moment. “Thank you.”

“For what?”

The corners of his lips picked up. “For just being here, right now.”

Closing my eyes against a sudden rush of tears, I spoke the truest thing I could’ve.

“Where else would I be?”

Finchè un episodio, una scelta, una mancata presa di posizione cambierà tutto.

TUTTO. 

He left his hand curled around the nape of my neck. Seconds passed, only a few heartbeats, and he made a sound I’d never heard before. It was raspy and low and seemed to come from deep within him. And I was moving without thinking, lowering my head, my mouth… And I kissed Sebastian.

A quel punto Lena è costretta nel presente dal suo senso di colpa e non riesce più a pensare al futuro. Non sente di meritarlo né tanto meno sente di meritare la felicità.
Comincia così un percorso introspettivo in cui entriamo dentro il cuore di Lena, sentiamo il suo dolore.

Riuscirà Lena a distruggere i muri che è sempre stata abituata a innalzare attorno al suo cuore?

Riuscirà a dar voce al suo “io” più intimo?

I couldn’t move, and everything hurt — my skin felt stretched too tight, muscles burned like they’d been lit on fire, and my bones ached deep into the marrow. I never knew pain like this before. I could barely breathe around it.

Appena Lena allontana un po’ lo sguardo da sé stessa si accorge che sono in tanti a fronteggiare diverse battaglie interiori, ad avere rapporti conflittuali con i genitori. Si rende conto che il senso di colpa è un qualcosa che appartiene a tanti, per scelte sbagliate, mancanza di coraggio, ma è qualcosa con cui bisogna imparare a vivere e da cui si può imparare una lezione importante.

A second later, Sebastian’s fingers found mine, and I knew as I took the first step that while tomorrow was not guaranteed, never promised, there was going to be so much possibility.

Una storia di amore, di sofferenza, di amicizia profonda e di grande crescita interiore che ci costringe a riflettere su come viviamo, che denuncia la negligenza, la superficialità con cui a volte si prendono le decisioni, ma che allo stesso tempo vuole offrirci una chiave di lettura che ci scoraggi dal giudicare e dall’essere spietati, perché non sempre è possibile fare la scelta giusta e chi porta questo peso, ha bisogno di sostegno e di comprensione non di essere condannato, perché errare è umano e in buona fede può succedere a chiunque. 

Fatemi sapere se la recensione vi è stata utile e se non vedete l’ora che questo libro arrivi in Italia!

Per quelle di voi che vorrebbero cominciare a leggere in lingua vi dico, a mio parere, più o meno che livello di inglese è richiesto. In una scala da 1 a 5, io direi un 3. Non è un lessico impegnativo però, sicuramente, per leggerlo in maniera scorrevole è necessaria comunque una certa dimestichezza con la lingua inglese.

Fatemi sapere anche chi di voi deciderà di leggerlo in lingua e eventuali considerazioni su questo libro 😊

Potete compralo QUI

Vi auguro una buona giornata bellezze!

Un bacione,

Marta

Lena è una ragazza che sta per cominciare il suo ultimo anno di liceo, è piena di speranze e di progetti da condividere con i suoi amici e soprattutto con Sebastian, il suo migliore amico che ama segretamente alla follia. Ma qualcosa all'improvviso cambia: un secondo, un episodio e tutto crolla.

Potrebbe interessarti anche:

Rispondi