Alla scoperta dell’incantevole Lago delle Fate

Ciao a tutti!

Come state?

Oggi vi propongo un suggestivo itinerario per raggiungere l’incantevole Lago delle Fate dove non mancheranno momenti di relax e panorami mozzafiato.

A meno di due ore da Milano, ai piedi del Monte Rosa esiste un lago chiamato Lago delle Fate, un bacino artificiale dalle acque di colore smeraldo e cobalto. Che voi siate appassionate di camminate o amanti della fotografia non lasciatevi scappare assolutamente questa meta!

Se siete alla ricerca di nuovi posti da esplorare, continuate a leggere l’articolo!

Il lago si trova a pochi chilometri da Macugnaga, una località splendida per trascorrere una vacanza sia d’estate sia d’inverno. Per raggiungere il lago a circa 1300 metri di altitudine, si possono seguire tre diverse strade: due partono nei dintorni dell’ingresso della miniera, l’ultima strada inizia dopo un parcheggio dove sarà possibile lasciare la vostra automobile. Quest’ultima è la strada più ripida e impervia, ma quella più breve che vi condurrà al lago.

Secondo un’antica leggenda si racconta che di notte al chiaro di luna le fate camminano sulle acque del lago dove si specchia il maestoso monte, mentre tanti gnomi laboriosi cercano incessantemente pepite d’oro nella vecchia miniera ancora visitabile. Gli gnomi continuano a cercare oro per portarlo al lago, ma si immobilizzano quando sentono arrivare nuovi visitatori. L’oro viene consegnato alle fatine che offrono in cambio tanta marmellata di more e mirtilli. Le fate intanto ricamano gli abiti con l’oro degli gnomi e con quello che resta creano una polvere magica necessaria per farle volare.

Vi suggerisco di provare a fare questo sentiero anche in inverno quando è coperto da metri di neve e il lago delle fate è quasi completamente ghiacciato! Il percorso è fatto da tanti gradoni e gradini di pietra, ma non lasciatevi spaventare. Sarete immersi completamente nella natura in un’atmosfera quasi incantata, per non dire mistica.

Essendoci stata qualche settimana fa, posso affermare che il sentiero è abbastanza semplice e non richiede grande allenamento. Quindi cosa aspettate, siete pronti a buttarvi in questa nuova avventura?

Spero che questo articolo vi sia piaciuto!

Alla prossima,

Laura

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Potrebbe interessarti anche:

Rispondi